Tredici

Titolo: Tredici
Autore: Jay Asher
Editore:  Mondadori
ISBN: 9788804677147
Pagine:  229
Data P.: 2017
Tipologia:  Narrativa – Fiction – Young Adult
Età: 13

Recensione a cura di:
Matyam – 14 anni – I superiore – Passione per la danza e la lettura

Descrizione

Libro molto interessante, storia coinvolgente, i capitoli scorrono bene.
Tutta la vicenda si svolge in un corto arco di tempo, motivo per cui non vuoi fare altro e continuare a scorrere le pagine del racconto.
I personaggi principali sono Hannah, una giovane ragazza di terza liceo che ha preso la decisione di porre fine alla sua vita, Clay e Tony. Clay, innamorato fin dall’inizio delle scuole superiori di Hannah, riceve sette cassette recapitate per posta all’interno di una scatola da scarpe, stupito comincia subito ad ascoltare la prima: “Ciao a tutti, ragazze e ragazzi. Qui è Hannah Baker.”
Il libro procede facendoci impersonare nel caro amico di Hannah, che scoprirà tante verità nascoste su come si erano svolti i fatti che hanno portato al suicidio di Hannah. Tony sarà d’aiuto a Clay, e si rivelerà essere a conoscenza di molte cose.

Consigli di lettura:

Consiglierei la lettura ai maggiori di 12 anni, per non fare entrare nei pensieri alcune paranoie già da subito: bullismo, discriminazione, suicidio.
Apprezzo il finale del libro, che lo scrittore ha saputo rendere interessante (e con questo non voglio farvi venire la voglia di guardare le ultime pagine J).
Questo racconto mi ha fatto capire che dobbiamo chiedere sempre aiuto in situazioni spiacevoli, qualunque esse siano.

 

Difficoltà di lettura: (A cura di Farollo – 34 anni – Libraio)
Sebbene TREDICI (nella versione originale “Th1rteen R3asons why”) sia un libro pubblicato per la prima volta nel 2007 è anche uno dei casi letterari di questo anno, balzato in cima alle classifiche di tutto il mondo grazie alla trasposizione cinematografica su Netflix, con l’omonima serie “TREDICI”.
La tematica è quella del suicidio di una tredicenne, nel contesto di una scuola/società americana fortemente caratterizzata da rapporti sociali duri, in cui i più “deboli” soccombono sotto il peso del giudizio degli altri.
Si parla quindi di amicizie, vere e fasulle, di amori celati, ma anche di invidie, bullismo discriminazioni. Il suicidio di Hannah non è l’epilogo ma l’inizio di un’indagine sulle cause che l’hanno spinta verso questa decisione.
Il romando ha avuto critiche ed elogi di vario genere, c’è chi al di là delle tematiche non ha trovato la narrazione emotiva chi invece crede sia il testo adatto per affrontare tematiche  spinose con gli adolescenti. C’è chi ne ha apprezzato il finale, chi no. Di sicuro è un libro che fa discutere e riflettere, e questo è già un bene.


Creative Commons License

This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...